Cruda Cruda 2015 - Grunge, Alternativo, Acustico

Cruda precedente precedente

Una prima uscita potente per i Cruda.

Che questo sia un momento in cui la musica spesso pesca dal passato per trovare una propria dimensione non ci sono dubbi e molti sono i gruppi che nel corso degli ultimi anni hanno trovato la loro forma d'espressione rimescolando e rielaborando generi, stili e strade già percorse da altri. Uno dei generi che più è stato rielaborato, studiato e preso a modello è sicuramente il grunge. All'interno però di quest'ondata di "revivalismo" c'è da fare attenzione a chi pesca troppo, risultando la brutta copia dei loro ispiratori e chi invece fà della propria conoscenza un mezzo per arrivare ad avere un proprio e originale spessore.

Il primo e omonimo lavoro dei Cruda sicuramente si piazza fra i secondi. L'ep si apre in maniera esemplare con la semi-acustica "Rust" che non ha nulla da invidiare a grandi classici grunge, con l'aggiunta di un pizzico di personalità del gruppo. Si continua con l'acida "Brown & Red" che per l'asprezza e la potenza ellettrica che sprigiona ricorda un tempo in cui gli Alice in Chains scrissero la loro "Sludge Factory", ritmata e potente allo stesso modo. Si prosegue con "Blue Silver" che brilla grazie a un arrangiamento curato nei minimi dettagli. Anche la successiva "Orange Gold" suona bene con le sue atmosfere sempre pregne della dicotomia acustico/elettrica che pervade l'ep. Il lavoro del trio ascolano si conclude con la veloce e ritmata "Dark Green" dai toni più punk ma non per questo meno dotata delle tracce precedenti anzi, da' una dimensione ancora più intrigante al lavoro del gruppo.

Ad ascolto concluso si ha non solo la sensazione di aver fatto un salto a scomodare glorie passate ma anche di trovarle in una veste nuova e accattivante. Date le premesse possiamo solo aspettare a braccia aperte i futuri lavori del gruppo che si snodano in una scena musicale fin troppo sprofondata nelle sue stesse radici.

 

 

---
La recensione Cruda di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2016-01-27 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO