Immanuel Casto The Pink Album 2015 - Pop

Disco in evidenzaThe Pink Album precedente precedente

Quanto abbiamo bisogno di Immanuel Casto nell'Italia del Family Day sul Pirellone?

Quanto abbiamo bisogno di Immanuel Casto, nell’Italia dei Family Day sul Pirellone, dei seimila emendamenti a un decreto di legge - il ddl Cirinnà - che garantirebbe il minimo della vita in termini di diritti civili a contribuenti al momento costretti in serie B, nel Paese in cui dopo “Ho tanti amici gay” c’è spesso un cretino “ma”. Ce ne vorrebbero cento, duecento, di Immanuel Casto: e quanto è intelligente questo Manuel Cuni, il ragazzo partito da Villa di Serio - provincia bergamasca alla Padania Classics - per insegnarci cos’è il porn groove e scalpellare con indifferenza il perbenismo, dando il coraggio a chi non se lo può dare di tirare giù la maschera.
Omo, etero, chissenefrega: Casto è un inno alla libertà, all’accettarsi, in ogni senso possibile. Intelligente nel costruire il suo personaggio, nel diversificare il suo investimento artistico - la musica, il gioco di carte, i fumetti - brillante sempre nella provocazione, nel suo épater la bourgeoisie.

Il Casto divo, proprio come lo scandalo però, scandalizza solo chi è male informato: tutti gli altri godono, e soprattutto si divertono. Sono passati ormai dieci anni da "Che bella la cappella" (2006) e "The Pink Album" è un disco rassicurante per chi ha apprezzato il precedente "Freak & Chic" (2013): continua nello stesso solco scavato, quello del porn groove sfacciato, del calembour impudico, della rima baciata su sonorità anni '80 spruzzate di elettronica contemporanea.
Casto aggiunge qualche elemento nuovo: il singolo di lancio, "Deepthroat Revolution" è militaresco, danzereccio, scatenato, e Casto intona “Succhiare per fare del bene / È sia un diritto che un dovere / Vado su e giù con la mia testa / Ma il mio è un gesto di protesta” e fa ballare e sorridere cantando di pompini che salvano il mondo.
Il secondo singolo, "Da grande sarai frocio", equilibra il primo, offrendo però una visione parziale del disco: nel complesso meno apertamente conscious rispetto al pezzo firmato insieme a Fabio Canino in cui si raccontano le difficoltà di accettarsi per un ragazzo omosessuale, lo stesso ragazzo che anche Manuel Cuni è stato, prima di diventare Immanuel Casto.
Terzo singolo "Discodildo", e si ritorna al Casto di sempre: dove rumba fa rima con bamba, dove drink fa rima con GHB e felicità con MDMA.

Nel complesso nell’album i testi sono all’altezza della fama di Casto, mentre nel resto del disco trova spazio anche l’omaggio colto - chi si aspettava una cover di "Sabrina" degli Einstürzende Neubauten? E una di "Real Men" di Joe Jackson? Tra le due, più riuscita la prima - qualche compagna di strada già ascoltata in precedenza - la brava Romina Falconi - e qualcuno nuovo, come Il Deboscio che firma la neoproletaria "Rosico", impreziosita dal featuring con Tying Tiffany. Un Immanuel Casto più adulto rispetto a "Freak & Chic", sempre trasversale, sempre capace di mescolare alto e basso - ed è ok farlo: l’unica cosa che importa è farlo bene - e sempre più capace di parlare a tutti.

---
La recensione The Pink Album di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2016-01-25 10:05:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia