23/05/2016

Come andare in apnea, trattenere il respiro in un mare di elettronica dal sapore nero, denso, essenziale. “Mainframe” è un lavoro strumentale che gira intorno a un ambient futuristico, ai colori netti e nervosi della fantascienza, e l’atmosfera si fa claustrofobica e irreale per lasciarti nel dubbio, per vederti vacillare. Le tracce avanzano quasi fossero un’unica marcia minimale e fredda verso l’abisso, nella totale assenza di luce, nelle vane speranze di una tormentata avanguardia, come nei film: tutto è profondo, e perduto.

Gianclaudio Hashem Moniri aka Plaster sonda spazi reconditi e sogni ricorrenti, alla ricerca di un sound che elimina ogni via di fuga per tenerti stretto a sé, in un mare denso e notturno, e infinito, dove chiudere gli occhi nell’attesa è la cosa migliore da fare.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati