AG Onde 2003 - Strumentale

Onde precedente precedente

Strana prima uscita per il cantautore e pittore padovano Alessandro Grazian, uso a passeggiare in equilibrio tra Jeff Buckley, Fabrizio De Andrè e Donovan, sulle corde tese della sua fedele acustica. “Onde”, in cui Grazian si presenta sotto la sigla AG, è infatti la colonna sonora di uno spettacolo di "danza urbana" della coreografa Alessia Garbo, realizzato a Campo San Giacomo da l’Orio, in quel di Venezia, il 23 giugno 2003. Qui Grazian capovolge tutto e sorprende il suo abituale ascoltatore: all’acustica si sostituisce l’elettrica, alla forma canzone un tappeto sonoro senza schemi predefiniti. In più, il tutto è strumentale. Paragoni? L’elettronica dei Militia, tanto per restare in Italia, oppure il Jimi Hendrix di “Star spangled banner” in versione più rilassata e cosmica, o infine il Robert Fripp di “Exposure” (1979) e “Let the power fall” (1981), in piena epoca frippertronics. Ancora, il Franco Battiato del periodo 1974-1978, o perfino il Battisti de “Il fuoco”, così come il Claudio Rocchi di “Suoni di frontiera”. Niente di nuovo, ma per gli amanti del genere ci sono regali psichedelici assicurati. Sì, è un disco difficile e meditativo, ma è in questo che dischiude il fiore della propria bellezza.

---
La recensione Onde di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2004-09-02 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO