Suite [Emilia Romagna] Ep 2004 - Rock, Pop, Indie

precedente precedente

I bolognesi Suite sono un giovane quartetto che tenta la strada del brit pop. Quello che li segnala positivamente in mezzo a tanti tristi epigoni che affliggono il panorama nazionale, è una certa freschezza compositiva e il rifarsi direttamente alle origini Sixties del genere, cercando così un approccio e uno sviluppo personali del genere. L’iniziale “…E il Centro?” si fa infatti apprezzare per il buon riff chitarristico, che ricorda lontanamente “Drive my car” dei Beatles, e per melodia e cori psichedelici. Anche altrove ci sono buoni spunti: così in “Parole per chi sei” trovano spazio dei giri chitarristici tipici della stagione in cui la psichedelia stava per cedere il passo al prog, ma senza averne la pesantezza; in “Anna (divano e Tivvù)” sono carini i riff effettati col phaser; infine “Giùcandido” offre un’armonia interessante e un clima memore di “Lady Jane” dei Rolling Stones.

Certo i Suite devono migliorare la propria scrittura: “Quadri bianchi”, ad esempio, stufa. E la voce, dal timbro decisamente interessante, andrebbe irrobustita con delle lezioni di canto. Ma insomma, le premesse paiono esserci. Potenzialmente i Suite sembrano essere in grado di unire psichedelia e melodie accattivanti anche per il grande pubblico, colmando una frattura che in Italia perdura dai tempi dell’Equipe 84. Speriamo bene.

---
La recensione Ep di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2004-09-12 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia