Massimo Morsello Buon Anno Professore (singolo) 1998 -

precedente precedente

Musica melodica, anche troppo san remese per i miei gusti. E' un disco di quelli dove la batteria e' pulitissima e dove il pianoforte, la voce e gli archi dominano. E' musica leggera e quindi non e' proprio qualcosa di stimolante per le mie orecchie (le mie!) e anche gli arrangiamenti, seppure ricchi, non mi convincono piu' di tanto. Ma allora perche' lo recensisco? Per i contenuti. Questo disco contiene un brano che racconta la storia del professor Di Bella vista dagli occhi di un malato che non vuole morire. Un disco pesante, un'idea pesante... e mi domando quali siano le cause che spingono un musicista a cantare dei globuli rossi, delle cellule malate e dei capelli bianchi del professor Di Bella. Forse una vicenda personale. Forse solo un sentimento spontaneo. Forse l'idea di poter passare alla ribalta sfruttando un simile evento sociale. Naturalmente quest'ultima ipotesi non e' quella giusta, perche' il disco, che dovrebbe ormai essere stato stampato, non ha lasciato traccia sui giornali specializzati. Onore all'autore di questo brano e massimo rispetto per lui dunque, anche se il suo "prodotto" musicalmente non stuzzica il mio appetito, e sottolineo "mio".

---
La recensione Buon Anno Professore (singolo) di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 1999-05-01 00:00:00

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • sara.spadino 3 anni Rispondi

    si..il blogger ha perso un occasione per stare zitto

  • 00michael00 13 anni Rispondi

    "Forse una vicenda personale. Forse solo un sentimento spontaneo. Forse l'idea di poter passare alla ribalta sfruttando un simile evento sociale."
    La canzone è stata scritta per una vicenda personale,dato che all'artista era stato diagnosticato un cancro incurabile ed è mancato nel 2001 dopo esser stata tentata,appunto,la cura del prof. di Bella.

    "e mi domando quali siano le cause che spingono un musicista a cantare dei globuli rossi, delle cellule malate e dei capelli bianchi del professor Di Bella"
    io invece mi domando perchè prima di recensire e fare critica non ci si informa un po....basterebbe poco