Verlaine in Noise Abnaki - Il Mito di Atosis 2004 - Punk, Hardcore, Alternativo

precedente precedente

Come a suo tempo i Marlene Kuntz, ora anche i Verdena cominciano a far proseliti tra le giovani band di casa nostra, anche se a dirla tutta questi Verlaine in Noise sono più o meno coetanei dei succitati.

Cinque brani così così: un quarto d'ora di durata, cantato dolente e grezze chitarre con quel tanto di 'Nirvaniano' che ancora fa presa su una bella fetta di giovane pubblico.

Cambio di rotta nel finale, con un brano dall'afflato decisamente più punk.

Nemmeno male, se si vuole, tanto da assicurarsi una presenza sul prossimo volume di
"Rock e contaminazioni"
a cura della Sana records.

Un prodotto piacevole al primo impatto, ma che si perde fatalmente nell'ordinario: nulla di nuovo, tutto 'già sentito'.

Ideale per il pubblico più giovane, meno per chi a questi suoni è abituato già da un decennio.

Diamogli tempo, sicuramente crsceranno.

---
La recensione Abnaki - Il Mito di Atosis di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2004-12-06 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia