The White Party Old Mad City 2004 - Funk, Blues, Rockabilly

precedente precedente

L'assenza di qualsiasi informazione sulla composizione della band lascia pensare ad un progetto dietro al quale si cela il solo referente Andrea Muratori.

Swing Rock, dice la scheda informativa allegata, e in effetti di questo si tratta: un bel basso in primo piano, sostenuto da una solare sezione di fiati; la batteria accompagna con discrezione, la voce interpreta in maniera non memorabile, la chitarra infine, dà quel tocco di 'elettricità', necessaria all'impressione 'rock'.

I tre brani in questione però, si distinguono, più che per l'aspetto sonoro, per la quasi assoluta carenza di personalità, tanto da scadere nell'anonimato: non se ne discute la bontà tecnica e produttiva, ma è la componente 'ideale' a latitare.

Il disco scorre insomma come acqua fresca: incolore, inodore, insapore.

Tre pezzi non giustificano una stroncatura, (né all'opposto lodi sperticate), e dunque l'augurio è che su una distanza più lunga riescano ad emergere qualità che in questo caso restano assolutamente nascoste.

---
La recensione Old Mad City di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2004-12-06 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia