19/12/2016

Un’intensità assolutamente new wave, cinque elementi che si fondono per creare uno spazio intinto nel nero e sapido di chitarre e scoppi nervosi, una prospettiva anni ottanta che non si nasconde al presente. “1978” è un assaggio di Japan Suicide in versione italiana, cosa che a mio avviso li rende più interessanti e originali: la voce che sa essere racconto cantautorale e sussurro come viscerale bastione post-punk, il crescendo di ogni brano che parte nel buio e termina nello scintillio di sezioni ritmiche in fiamme, distorsioni e synth, una visione coesa e solida che prima non c’era.

Questo ep è il lato intimo di sentimenti eighties, il furore introspettivo di un giorno di pioggia, la polvere dark che si posa leggera sulle cose finché l’energia non la attira a sé. Il pezzo migliore è l’ultimo, ma l’intero lavoro merita attenzione, sperando che la band prosegua su questa strada: new wave, scoppi nervosi, passato e presente, italiano e scintillii.

---
La recensione Japan Suicide - Recensione - 1978 di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Tracklist

00:00
 
00:00

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati