Moder Otto dicembre 2016 - Rap, Hip-Hop

Disco in evidenzaOtto dicembre precedente precedente

Suoni classici, una scrittura dai tratti intimi e scratch che ricordano quel flavour anni novanta con il quale Moder è cresciuto.

«I tacchi di mia madre per le scale la mattina presto/Il digrignare i denti bestemmie in dialetto/Le mani di mio nonno le grida del martello» così si apre questo "VIII dicembre", ed è proprio con questi primi versi di "John Fante" che ci è già chiaro il mood dell'intero disco.

Suoni classici, una scrittura dai tratti intimi e scratch che ricordano quel flavour anni '90 con il quale Moder è cresciuto.
Una serie di immagini familiari caratterizzano la prima metà del disco: Moder ci parla tanto della sua adolescenza, sconvolta dalla morte del padre il giorno del suo undicesimo compleanno, quanto della gioia e delle responsabilità di cui è stato investito con la nascita di Matilde: affrontare la sfida di diventare padre senza averlo avuto.

Non mancano però episodi strettamente hip hop: "Stanne Fuori", "Paludi", "Graffi", "Ti chiamo quando arrivo" e "Zanne d'avorio" su tutti. D'altronde Moder ne ha viste in tanti anni: tra gli esponenti di spicco del rap romagnolo, gestisce da anni uno spazio culturale della sua città (il Cisim) ed è tra i fondatori dell'Under, festival di musica rap che ha superato la terza edizione; una bellissima scommessa vinta.

Insieme all'ottimo lavoro di tutti i musicisti presenti sul disco aiuta a godere del disco, è proprio la scrittura lucida, attenta e curata il merito migliore di "VIII dicembre". Parlare di esperienze tanto drammatiche e personali con una tecnica tale e senza scendere nei patetismi o nell'esibizionismo più becero non è affatto semplice ed è forse questa la risposta alla domanda che Moder pone nel quinto brano all'ascoltatore ("hey tu perché cazzo mi ascolti/che in fondo a fare 4 rime siamo bravi in molti/e i sentimenti li ho nascosti tra i miei mille sforzi"). Certamente non un disco di facile fruizione ma indubbiamente sincero e diretto e per questo ben più che apprezzabile.

 

---
La recensione Otto dicembre di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2017-01-16 10:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia