10/01/2017

L'intenzione è sempre la stessa: ricreare, con quattro soldi e due strumenti casalinghi, atmosfere elettrovintage e cinematografiche per il sollazzo dei nerd nostalgici. I titoli dicono già quasi tutto, fra citazioni più o meno esplicite, goliardia, evocazioni di fantasie erotiche a basso costo e mash-up di generi (“Goodfella with the laser gun”, “Cabrio love affair”, “Black stiletto heels”, “Imaginary superhero”), però c'è un però non da poco: che questa volta ai titoli simpatia non corrisponde una musica altrettanto inventiva. L'ironia e il dinamismo che rendevano sempre gradevoli le precedenti fatiche del pesciolino rosso sembrano essersi un po' perse per strada, e non si trova niente di nuovo o particolarmente divertente in queste potenziali colonne sonore di film di fantascienza low-budget e B-movie assortiti. Anche perché il genere è stato ormai ampiamente sfruttato, quasi abusato diciamolo, e per stupire o solo convincere ci vorrebbe un tocco di genio che qui, stavolta, manca.

Commenti (1)

  • Death Of A Red Fish 3 mesi fa @Doarf

    Gentile Letizia,
    Il pesciolino rosso ha trovato oltremodo irriguardose e offensive alcune Sue parole, al punto da considerare l'ipotesi di agire per vie legali.

    La sua frase "con QUATTRO soldi e due strumenti casalinghi" rappresenta una calunnia bella e buona: soldi non ne sono mai stati spesi e mai ce ne saranno da spendere!

    Cordiali Saluti
    :P

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati