14/01/2017

Pura nostalgia in un nome che evoca grandi riferimenti: Sex Pizzul è un progetto musicale coraggioso, che collega musica e calcio, nella sua declinazione più iconica e romantica; col supporto dell'etichetta Chic Paguro, la band toscana plasma il proprio esordio discografico “Pedate”, giusto per restare in tema.
Otto tracce di free punk: l'approccio scarno ed essenziale dei musicisti incontra sintetizzatori, math rock, hip hop e distorsioni; ogni elemento ha il suo peso specifico minuziosamente bilanciato per creare un mix lontano dai canoni, libero nella sua più vera definizione e totalmente focalizzato sull'universo calcistico. È così che sei minuti di psichedelia (“St. Pauli”) diventano metafora dell'orgoglio anarchico, oppure una traccia contenente rap racconta l'ascesa di un portiere, da un'infanzia complicata al campionato mondiale: c'è la rara capacità di costruire un immaginario organico e coerente, distante dalla prima impressione che le composizioni musicali possono suggerire ai timpani ma non per questo motivo incoerente.
"Pedate" è un disco robusto, da metabolizzare apprezzando tutte le sfumature attraverso molteplici ascolti, è musica che sperimenta in modo concreto, senza barocchismi superflui. La partita per Sex Pizzul è appena iniziato, ed il gruppo fiorentino archivia l'episodio discografico inaugurale portandosi sul punteggio di uno a zero.

 

 

---
La recensione Sex Pizzul - Recensione - Pedate di Giandomenico Piccolo è apparsa su Rockit.it il 17/07/2019

Commenti (1)

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati