Oltrefuturo Marshall McLuhan 2016 - Lo-Fi, Noise, Ambient

Marshall McLuhan precedente precedente

Il nuovo progetto di Valerio Ebert tra vecchi synth, approccio lo-fi e invadenti drum-machine.

Oltrefuturo è il nuovo progetto di Valerio Ebert (Hatguy, Might at Night e molto altro ancora) che in questo disco tende a esplorare, attraverso un uso dell’elettronica ora ovattato e sospeso, poi pulsante cuore industrial e infine intrigante discodancer, l’universo concettuale dei media. Tra vecchi synth e campionatori, distorsioni del suono che sembrano avere effetti anche nello spazio, un generale approccio lo-fi che si concretizza a tratti nella pura ricerca di un rumore, di un difetto, di un’idea fuori dall’ordinario (ne è esempio perfetto “La fine della natura”), questo album sposta l’attenzione all’interno delle cose, si fa pellicola che avvolge il tempo per cristallizzare gli errori, per permettere di guardarli con la calma necessaria, e scoprire poi che dentro a ogni errore c’è il germe di una nuova sfida.

Sporche e meravigliose ballate di solitudine danzano lente (“Le distanze non esistono”), invadenti drum-machine prendono possesso di territori immobili spingendoli a gesti meccanici, a scatti improvvisi (“Il ricordo e la temporalità”), il beat ossessivo combatte e allo stesso modo si fa complice di un’ipnosi statica (Le memorie fuori dall’uomo”). Passato e futuro si baciano nella pioggia in “Gli ultimi ricordi” dove una trama melodica che riporta alla memoria vecchie foto in bianco e nero viene spinta in aria dalle solite invadenti, fondamentali drum-machine.

La danza primordiale di “Verso una nuova storiografia” e il galleggiare cosmico di “Ricerca sul nuovo ambiente” chiudono un lavoro denso di spunti, variegato ma comunque compatto, che mostra subito di essere il frutto di un lungo viaggio dentro di sé con lo sguardo fisso sul mondo, con il solido obiettivo, la fatale conquista di invertire i punti e viaggiare infine, nel mondo, con lo sguardo fisso su di sé.

---
La recensione Marshall McLuhan di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2017-01-16 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia