Zabulon J Tagadà-music 2004 - Strumentale, Folk, Etnico

precedente precedente

Il tagadà è un gioco tipico delle giostre: la sua caratteristica principale è quella di fornire cospicui mal di testa, se non peggio, a chiunque avesse l’ardire di montarci sopra. Gli Zabulon J. hanno voluto dedicare a questo passatempo un po’ masochistico il loro cd casalingo, forse non tanto per indicare che la loro musica provoca emicrania, ma per dare un contesto di riferimento: le giostre, appunto, e la ferocia, quasi leggendaria, dei suoi gestori, spesso slavi, legati alle più svariate etnie rom.

“Tagadà-music” è un omaggio a questo mondo, agli zingari, alla loro cultura, al loro modo di esprimersi in musica. Tanto che nei lettori dei singoli componenti della band dovrebbe esser passato con molta frequenza Goran Bregovic, ed è possibile ipotizzare che il loro regista preferito sia Emil Kusturiza.

I quattro pezzi, tutti devoti alla tradizione dell’est, convincono, anche se il vocalist farebbe bene a metterci un tot di passione in più e anche i fiati potrebbero fare di meglio. Ma c’è da dire che “Bubamara”, cantata in slavo, con la sua partenza malinconica e il suo arrivo da pogo, è praticamente perfetta.

---
La recensione Tagadà-music di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2005-01-27 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia