Oblioblu Oblioblu 1998 - Rock

precedente precedente
21/03/1998 Oblioblu 0

Quattro personaggi provonienti da diverse esperienze che si uniscono per cercare nuovi suoni e nuovi modelli vocali, a sentire cosa ci suggeriscono i componenti il genere è rivolto a interlocutori sensibili ed introspettivi, in effetti il cantato a volume limitato e mai urlato tende a catturare l'attenzione di orecchi attenti, e non aspettatevi mai sonorità graffianti ma piuttosto voci sussurrate, poetiche "crepuscolari" coadiuvate da una chitarra dai suoni discreti e da una attenta sezione ritmica. E' senza dubbio un prodotto interessante, non da scena rock ma da locali dove il viandante si siede a ritrovare se stesso ed il suono che trova alle sue spalle lo aiuta in questo senza mai offenderlo.

Kevin Boon
r.zanotti@agora.stm.it

---
La recensione Oblioblu di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 1998-03-21 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia