27/04/2017

Un primo capitolo discografico per dichiarare la propria esistenza nel panorama alternativo italiano: Natural Born Killers, duo proveniente dalle Marche, si presenta con l’autoproduzione “Alchemy of Sins”.
Elettronica come punto di partenza, per un arrivo tutt’altro che scontato: il giovane sodalizio artistico sperimenta incursioni analogiche in un universo che gravita attorno a parametri digitali, la drum’n’bass si sposa col funk in costruzioni musicali caratterizzata da sovrincisioni e molteplici piani d’ascolto. Prende bene il giro della tracklist: “Bleeding Demons”, “Floyd” e il VIP remix di “Jamais Vu” chiudono in crescendo l’assaggio che la band propone in quest’occasione.
C’è una buona cura del suono e la si ritrova sia nelle dinamiche più originali che nei passaggi dove i richiami artistici diventano più marcati: Natural Born Killers scopre le carte in tavola e non delude; si archivia così la prova generale in attesa del long play d’esordio.

---
La recensione Natural Born Killers - Recensione - Alchemy Of Sins di Giandomenico Piccolo è apparsa su Rockit.it il 17/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati