19/02/2005

Fra le innumerevoli persone che investono tanto nella musica e riversano in essa tutte le loro passioni, le speranze, le delusioni e tutte le loro fantasie c’è anche Franco Zaio. Purtroppo alcune volte il grande impegno profuso non viene ripagato da un risultato altrettanto esemplare, come accade per Le canzoni nel cassetto, disco dal carattere incerto.

Da una parte brani dai toni autobiografici, piacevoli all’ascolto, come Felici anche così, storia di un amore più forte di qualsiasi impedimento materiale “siamo felici anche così, ci si può accontentare, siamo felici anche così, in un quartiere popolare”; ci sono poi Come mai? e Davvero pensi…, paladini nostalgici di quanto è andato perso e non può essere recuperato, “come mai non mi sorridi più, come mai i miei sogni non ti piacciono più” nella prima, “è uno strano mondo che si ricorderà di te e dei sogni che tu hai fatto insieme a me, i tuoi sogni tu li hai fatti insieme a me, i tuoi sbagli tu li hai fatti insieme a me” nell’altra.

I pezzi acustici vengono interrotti di tanto in tanto da altri più rockeggianti, come Né santi né eroi e Sogni e bisogni, nei quali apprezzare le doti di musicista eclettico riscontrabili nella persona di Franco Zaio.

Dall’altra parte troviamo Lettera a un padre, brano dai nobili intenti ma limitatamente apprezzabile, con parole che appaiono banali agli occhi di un estraneo “io non lo so da dove vengo, io non so dove vado…sono tuo figlio, ma come hai fatto a farmi, sono tuo figlio, se puoi cerca di amarmi almeno un po’…” , c’è poi Non ha importanza, analogamente esigua e di scarso rilievo.

Da apprezzare il coraggio dimostrato nell’affrontare un gruppo come i Joy Division con la cover Something must break, eseguita in modo apprezzabile, soprattutto nel suo epilogo. Senza considerare il fatto che al cantautore ligure devono essere riconosciuti tutti i meriti relativi all’aver suonato pazientemente ogni singolo strumento presente nell’album.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati