< PRECEDENTE <
RECENSIONE
28/02/2005 di Marcello Berlich

Emilia, terra di motori. Ergo: piazzate questo cd nel lettore del vostro mezzo di locomozione, buttatevi sull'arteria veloce più vicina, e via. Non si tratta, intendiamoci, di un gruppo della serie 'moto veloci e belle donne', ma la dimensione di ascolto più indicata è quella. Lo potete anche ascoltare chiusi in una stanza, ma l'effetto è sicuramente sminuito, a meno che non vi mettiate a dimenarvi sbandierando una buona bottiglia di rosso.

Un buon blues a fare da fondo di cottura, rock'n'roll come ingrediente base, una spezia punk ad insaporire il tutto.

Sonorità sguaiaiate, dominate da una vocalità fumosa, la chitarra che sbraita e la sezione ritimica a dare la cadenza con ritmo solido e 'quadrato'.

Un disco tiratissimo, un motore che ruggisce e trascina, che riesce convincente anche nei rari frangenti di quiete, e che gira a vuoto, tossice e sputacchia solo in occasione della sgangherata cover di 'Next to you' (Police, of course).

Immediato, diretto e viscerale. Come il rock dovrebbe essere.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >