17/07/2017

Viene “dal basso” un disco nella cui produzione hanno investito gli artisti, in prima persona: Maeraia presenta “Pepite”, ep composto da cinque pezzi.
Pubblicato avvalendosi del supporto in studio di Lorenzo Borgatti (Birthh), l'album presenta una matrice alt-rock che ha come principale riferimento i Massimo Volume, declinati in un mood cupo e dall'impatto diretto. Forse sta proprio in questa caratteristica il maggior pregio del trio: riuscire a comunicare i propri messaggi spaziando anche in territori dove prendersi poco sul serio: a chiudere l'ascolto ci pensa “Maili sairus”, traccia strumentale dagli evidenti riferimenti; proprio in questo episodio le “Pepite” si mostrano nella concreta preziosità, inserendo nella composizione un arpeggio che richiama l'Inno alla Gioia di Schiller reso celebre da Beethoven.
Nonostante la recente formazione, Maeraia dimostra di avere idee ben chiare su dove porteranno i futuri sviluppi.

---
La recensione Maeraia - Recensione - Pepite di Giandomenico Piccolo è apparsa su Rockit.it il 20/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati