Cali L'uomo con due cuori 2017 - Soul, Rap, Hip-Hop

Disco in evidenza L'uomo con due cuori precedente precedente

In netta opposizione con la scena europea, Cali sta cercando una sua definizione di urban: suoni caldi ereditati direttamente dal soul e dal r'n'b e tanta personalità

"Chi riesce a dire con venti parole ciò che può essere detto in dieci, è capace pure di tutte le altre cattiverie" diceva Giosuè Carducci, noi sposiamo la causa e ci teniamo stretti Cali che è allora un santo. A tre anni dall'ultimo "Malattia", disco realizzato insieme ad Aleaka, Cali torna insieme a Fid Mella e Morpheground. La scrittura estrema, fatta di esagerazioni di pezzi come "Scappa" adesso è diventata più precisa, sottile, immaginifica. Se quell'idea della fuga come questione di vita o di morte, dell'urgenza del dovere di vivere che tutti i brani sembrano voler restituire era una necessità impellente, ora rimanda invece a una certa fiducia nei propri mezzi: esempio più calzante di questo nuovo stato emotivo per Cali è forse la coppia di brani "Russian Roulette" e "Vivila". La prima è una serie di immagini un po' disperate: se a causa della paura d'invecchiare e della noia del matrimonio, dello stress sul posto di lavoro si sente l'urgenze di una fuga dalla routine (i colpi di una pistola che vuole mettere "tutti al proprio posto"), è nel brano successivo che la caotica struttura narrativa trova il suo compimento, con un rappato che si aggrappa al precedente e ne capovolge le premesse: "questa è la tua vita, vivila" è un monito che vuole martellare la testa, forse impedirle di abbandonarsi alla quotidianità. L'esecuzione è, al solito, di buon livello e senza sbavature, concisa come la stessa scrittura sembra suggerire.

Ad emergere è ancora una volta la personalità del rapper Unlimited Struggle, in netta opposizione con la scena europea: se con qualche anno di ritardo il cloud-rap sta iniziando a convincere tutti anche nello stivale, Cali, Fid Mella e Morpheground sono già altrove, cercando una propria definizione di urban: non piattini e 808 ma sample vocali e suoni caldi direttamente ereditati dal soul, dal jazz, dall'RnB. Una mezz'ora carica di personalità che però richiede un'attenzione totale. 

---
La recensione L'uomo con due cuori di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2017-07-11 09:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • diiv99 5 anni fa Rispondi

    Album fantastico con sonorità ben definite e che personalmente sono le mie preferite.
    L'unica grande pecca non è di Cali, ma dell'Italia che penso non sia ancora pronta per lui, anche se è meglio che rimanga per pochi gatti qui in Italia ❤