06/12/2017

Registrato praticamente tra le pareti domestiche in totale solitudine – del resto il titolo parla da solo – “Isolated” è un concept orchestrato su pianoforte (un verticoda per l’esattezza) e suddiviso in otto atti, ognuno dei quali sonorizzazione di una tappa di un viaggio emotivo all’interno del concetto di isolamento, sviscerato trasversalmente nella sua ambivalente trasfigurazione, costrittiva e liberatoria al contempo.
Roberto Attanasio, al suo terzo disco, aggancia dunque alla sola alternanza di tasti neri e tasti bianchi la corrispettiva alternanza umorale scaturita da una condizione esistenziale votata al distacco dal mondo, dipanando il suo immaginifico minimalismo pianistico fatto di partiture neoclassiche e ambient cinematografico.

Umbratile ibridazione tra Glass e Satie, O’Halloran e DebussyKohlstedt ed Einaudi (soprattutto nei passaggi di ristagno atmosferico) il pianista romano emoziona non poco nel veicolare il suo intimismo struggente attraverso giri armonici filiformi e spesso ripetitivi eppure estremamente funzionali nella loro evocazione “malincocromatica” di piccoli abissi personali (“Isolated III”) – che sono poi anche i nostri – senza però privarsi di provvidenziali punti luce che squarciano l’ombra (“Isolated VII”) o che lasciano presagire una sommessa riconciliazione col mondo (“Isolated VIII”).

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati