22/01/2018

Ci troviamo su di una terrazza, alla sommità di un grattacielo, si vede tutta la città dall'alto. Siamo in mezzo ad un party pieno di gente, è giugno, il sole sta tramontando mentre sorseggiamo un buon Martini dry servito nella coppetta con tanto di oliva. Le sonorità composte ed accoglienti di "Music For Europe" ci trasportano in questo contesto di distacco dalla frenesia quotidiana. Il disco funziona come una sorta di antistress, è giocoso e pacato, mai burbero, fatto di melodie orecchiabili che strizzano l'occhio al pop e rimangono facilmente in testa.

Per MAIOLE l'armonia è valore aggiunto: i brani sono stati prima pensati e scritti su pentagramma, poi quasi interamente suonati in via di registrazione, il che, nonostante sia una produzione elettronica, li rende caldi e umani. Per quanto riguarda le sonorità, ci si muove nelle spazio infinito della chillout con riferimenti eurodance, techno e disco ed un massiccio uso di sintetizzatori che richiamano i tipici suoni brass e lead degli anni 80. Le atmosfere rimangono sostanzialmente rilassate, sempre fresche e, in un certo senso, mediterranee.

"Music For Europe" è un disco coraggioso e ben pensato: riesce ad essere pop pur non seguendo linee stilistiche dettate dalla moda. Un disco piuttosto maturo e personale, che evita scopiazzamenti ed eccessi, educato ed elegante; decisamente interessante. Se questi sono i presupposti, probabilmente vedremo suonare MAIOLE in moltissimi festival questa estate.

---
La recensione MAIOLE - Recensione - Music For Europe di Mauro Titanio è apparsa su Rockit.it il 17/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati