Nicola Barghi I Must Be Wrong 2002 - Rock, Pop, Blues

I Must Be Wrong precedente precedente

Nicola Barghi ha fatto un ottimo lavoro, questo è bene chiarirlo sin da subito. "I Must Be Wrong" è il suo disco d’esordio e - nonostante sia autoprodotto e questa sia, a tutti gli effetti, una one-man-band - se c’è qualcosa che traspare, quella è la la cura, l’impegno e le capacità spese nella sua realizzazione. Ed il risultato finale ne è il meritato coronamento.

La proposta si orienta sul rock, mostrando disparate influenze, prima su tutte quella del pop-rock di matrice anglosassone, essendo Nicola un fan di lunga data di McCartney e dei Beatles. Tutti gli elementi, da quei bei accenti folk della prima psichedelia al blues, contribuiscono in maniera del tutto naturale alla riuscita di brani come “Weeping on a willow” o la strumentale “My soul”, che sono esempi lampanti della caratura dell’album.

I quaranta minuti di musica scorrono piacevoli ma non banali, regalando un’esperienza molto più gradevole di tanti, troppi dischi. Provate a dare un ascolto al promo digitale, consci che il disco mantiene le promesse e migliora di ascolto in ascolto.

---
La recensione I Must Be Wrong di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2005-07-30 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO