Archedora Descalso 2005 - Etnico

precedente precedente

Dietro la ragione sociale Archedora troviamo i nomi di Rachele Colombo e Corrado Corradi, entrambi ex Calicanto, giunti alla seconda fatica discografica.

“Descalso” è in piena sintonia con il loro passato, immerso nella tradizione folk della terra natia (rispettata con l’uso della lingua veneta) e arricchita da arrangiamenti che non mancano di strizzare l’occhio al mediterraneo, all’oriente, alla danza, alla musica da camera. Ne viene fuori un disco eterogeneo, teatrale, ricco anche di recitativi quasi lisergici (è il caso di “Medusa”), di riferimenti jazzistici (“I sequeri di S. Antonio”, a tratti, sembra ispirarsi a certe cose di Paolo Conte) e omaggi al tango (“Mirando ’l blu” è ispirata da “Oda para un hippe” di Astor Piazzola). Il tutto accomunato da uno spirito leggero, che forse non attirerà più di tanto i puristi della tradizione etnica ma che ha l’innegabile merito di rendere “Descalso” un disco accessibile a tutti, per nulla snob o destinato a pochi appassionati. Se poi aggiungiamo che la qualità della voce di Rachele Colombo è a dir poco eccelsa, e che Corrado Corradi e tutti i musicisti coinvolti nell’operazione sembrano sentirsi perfettamente a proprio agio nelle dodici canzoni allineate, allora il cerchio si chiude.

---
La recensione Descalso di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2005-04-13 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia