31/03/2019

A volte capitano dei dischi che non si sa bene dove mettere. Prendiamo per esempio “Immersione di gruppo” dei T.MAN.FAYA. Alcuni potrebbero concentrarsi sui ritmi hardcore e sulle sonorità aggressive, altri rimanere colpiti dalle urla e dalle influenze emo che aleggiano nei brani (vedi “Attraverso nuvole”). Posso già immaginare le infinite diatribe che potrebbero sorgere tra gli appassionati di spaccamento in quattro del capello del genere musicale. La verità, tuttavia, è che anche qualora riuscissero ad affibbiare un’etichetta precisa ed esaustiva a questo album, continuerebbero a non cogliere il punto principale. Il punto principale è che questo disco è bello.

Qualcuno potrebbe obiettare sul fatto che “bello” non è la parola più adatta: i dodici brani che compongono l’album sono grezzi, quasi rozzi, permeati dalla grande e quasi disperata urgenza di buttare fuori musica e parole perché arrivino dritte in faccia all’ascoltatore –anche a costo di una certa approssimazione. Non c’è spazio per l’armoniosità, per la ricerca del particolare che soddisfi il gusto. C’è solo una grandissima fretta, una furia che va espressa immediatamente, e che non lascia nemmeno il tempo di trovare il modo migliore per farlo.

Ma c’è qualcosa di più bello di una musica che sembra dover correre per la propria vita?

---
La recensione T.MAN.FAYA - Recensione - immersione di gruppo di Davide Bonfanti è apparsa su Rockit.it il 21/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati