15/05/2019

Liberato ha un grande e meritato successo in tutta Italia ma probabilmente, da solo, non può rappresentare la nuova musica di Napoli nel suo complesso. Allo stesso modo Pino Daniele non può aver fatto il vuoto totale dietro di sè, lasciandoci orfani di altri eredi. Per questi motivi, album come "Edicola votiva" ci vengono incontro rassicurandoci, senza entrare nel filone neomelodico: la buona musica d'autore partenopea continua ad esistere e può arrivare a tutti.

Ad AmbrOsino, cantautore folk acustico, basta una chitarra e la sua bella voce per raccontare il capoluogo campano e non solo, tra atmosfere sognanti e melodie più movimentate. Le sue canzoni sono piccoli quadri da scoprire agli angoli delle strade oppure istantanee di città e di vita, in bianco e nero o a colori a seconda dei gusti e delle sensazioni soggettive: ragazzini che giocano a pallone, amori, sigarette, voci sulle scale, la pioggia...

L'album è interamente cantato in napoletano ma la lingua non deve far paura, come non spaventava nei dischi in dialetto del compianto Pino Daniele: infatti la buona musica, come è noto, ambisce all'universalità e può superare le barriere del linguaggio. Probabilmente questo artista di San Giorgio a Cremano meriterebbe più attenzione, in generale: la speranza è che riesca a guadagnarsela abbondantemente con i prossimi progetti.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati