Tea Party Be a Bee 2018 - Rock'n'roll, Country, Garage

Disco in evidenzaBe a Bee precedente precedente

Torniamo nel paese delle piccole meraviglie in riva al Piave.

Nella “Wonderland” di Mauro Da Re, che si trova da qualche parte fra le campagne della regione del Piave, si incontrano personaggi che prendono nomi come La Mela o A Big Silent Elephant, e si organizzano Tea Party – festicciole di non-compleanno a base di tè e pasticcini, non movimenti politici conservatori – con gli spiriti dei Velvet Underground.
Tutto parto della mente psichedelico-folk e degli strumenti lo-fi del musicista e dei suoi amici e compagni di home recording Andrea (Da Dalto), Krano, Margherita (Leo), Giovanni (Tonon) e Marco (Zuccaro), tutti insieme per un pomeriggio a tempo di alternative country, valzer sbilenchi, folk sotto acido, come una factory warholiana con finestre sull'orto e disegni a pastello alle pareti al posto dell'alluminio e dei vetri oscurati su Manhattan.

Un trip nella tana padana del Bianconiglio in cui vale la pena buttarsi, anche perché, a detta del nostro Cappellaio matto: “dalla Mela escono i Tea Party, probabilmente per un solo album, probabilmente per un breve periodo” - potrebbe essere l'unica occasione.

---
La recensione Be a Bee di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2019-01-02 09:05:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia