Vibrazione Positiva Vibrazione Positiva 2018 - Folk, Acustico, Ambient

Vibrazione Positiva precedente precedente

Per i Vibrazione Positiva un esordio un po’ fiacco.

Quattro pezzi quattro. Sufficienti per permettere ai Vibrazione Positiva di esplorare un microcosmo composto da suoni acustici, voci armonizzate e testi in gran parte dedicati ai sentimenti e all’amore per la vita, in tutte le coniugazioni possibili e immaginabili o quasi. Canzoni semplici, delicate, con l’eccezione di “L’innocente”, che vira in direzione rap, suonate con sentimento e passione. Canzoni che, tuttavia, non colpiscono al cuore. E scivolano via senza farsi notare troppo, lasciando pochi segni dietro al loro passaggio.

Non è questione di esecuzione o di mancanza di perizia tecnica, tutt’altro. Il trio campano svolge con il diligenza il proprio lavoro, ma manca qualcosa che accenda. Qualcosa che si possa ricordare una volta messo via il dischetto. Questione di arrangiamenti non eccessivamente elaborati (troppa semplicità, insomma), di una voce solista monotona, priva di picchi e del minimo sindacale di vivacità, di pensieri e parole a volte sin troppo zuccherosi e al limite del banale, di un po’ di noia che affiora qua e là. Un EP dimenticabile per un esordio non proprio felice. Per i Vibrazione Positiva sono necessari una ripartenza e una rinfrescata di idee, che li porti lontano da un suono dignitoso ma sin troppo scontato.

---
La recensione Vibrazione Positiva di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2019-03-07 00:00:00

COMMENTI (5)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • arnett 3 anni fa Rispondi

    Un critico fa il critico, non il cantante. Dire: se non ti è piaciuto vediamo se tu sai fare di meglio è del tutto fuori luogo.

  • pietrowalterdibello 3 anni fa Rispondi

    Vorrei ascoltare le vostre opere! :)

  • pietrowalterdibello 3 anni fa Rispondi

    .....lo so che si dice hang drum..non sapevo come correggerlo!

  • annyka 3 anni fa Rispondi

    Il recensore e' stato sin troppo tenero: questa roba non si riesce a sentire. A proposito di professionalita':sSi scrive hang drum, non hung drum!

  • pietrowalterdibello 3 anni fa Rispondi

    Almeno l’hung drum potevi citarlo..visto che è un progetto completamente basato su quello! O magari non te ne sei nemmeno accorto? O addirittura non lo conosci nemmeno.. Le voci soliste sono due..un ascolto accurato avrebbe notato la peculiarità..potevi trattare singolarmente i brani visto che sono 4 -4 pezzi...e dire che non rimane nulla mi sembra eccessivo davvero! Comunque grazie per il tuo professionalizzino parere!