< PRECEDENTE <
RECENSIONE
20/04/2019

Quello degli Spaventapassere è un nomen omen. Non bastasse il nome della band, il titolo dell’album avvicina all’idea di fondo, e le dodici tracce ne sono la conferma definitiva: “...Addosso o contro” è un concept album (se così possiamo definirlo) sull’atto dell’eiaculazione. La keyword di tutto l’album infatti è “sborrare”.
Tanta ironia che si materializza in testi che ruotano attorni a temi leggeri, supportati da basi punk rock veloci e serrate. 
In “O’ un bernoccolo nel cazzo” le chitarre prendono una direzione più alt rock, quasi à la Interpol. Apprezzabile soprattutto un particolare in “Van Der Paster”, in cui il dettaglio diventa protagonista e un arpeggio quasi emo/post rock rompe i ritmi serrati della circa mezz’ora di ep.

Le basi hanno buone qualità tecniche, ma è da migliorare l’uso della voce (anche riducendo i vocalizzi).
Per quanto riguarda la scelta dei temi poi, la musica è un’arte che non conosce confini...

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >