19/03/2019

Blur, Depeche Mode, l’indie rock degli anni duemila imbastardito con l’elettronica: tutte queste sono le influenze che si possono vedere ascoltando in controluce “Mother Goes Plastic”, secondo album di Lùcafall, moniker dietro di quale si cela Luca Fallini, cantante e polistrumentista romagnolo.

I dodici brani che compongono l’album vanno a pescare, come si anticipava sopra, da mondi differenti, aventi però come tratto d’unione quello di ricercare una compenetrazione tra il classico brano rock e atmosfere più digitali. Si spazia così dall’electro-britpop della traccia d’apertura, “Subway”, all’indie rock di “Radio Moonchild”, fino al pop di “Beginners”, che riecheggia le atmosfere di James Blunt.

Sarà riuscito Lùcafall a fare da collante tra ispirazioni così diversificate tra loro? La risposta breve è: sì. Quella più lunga sottolinea come proprio questo sia un aspetto molto interessante del disco, la sua eterogeneità e la continua ricerca di un’identità che sia propria di ogni canzone, e che porta a piccole gemme come “Closing Credits”, un pezzo sembra provenire direttamente dall’universo. Insomma, la qualità generale è più che buona, non ascolterete canzoni oggettivamente brutte. Nella seconda metà dell’album, a voler fare i pignoli, si percepisce un filo di stanchezza, forse anche per l’accavallarsi di pezzi più strettamente melodici e rilassati, che favoriscono il calo dell’attenzione e sui quali Lùcafall sembra meno propenso a rischiare. Un paio di tracce in meno avrebbero forse giovato alla godibilità generale del disco, ma questo “difetto” non finisce comunque per alterare l’impressione –buona– che "Mother Goes Plastic" suscita.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati