21/05/2019

Il disco dei torinesi PugileSparring Project - “Soundtrack for contemporary stories”, partorito nel loro universo multiforme, è un concept album a tutti gli effetti, fatto di piani diversi e paralleli, che indaga la complessità della psiche e dell'esistenza umana. 15 brani divisi tra 5 idee: l’elaborazione del trauma e la ricerca della pace; l’autoconsapevolezza; la cattiva osservazione della realtà e i dubbi che essa comporta; la brama come rovina dell’anima; la ripetitività dei cicli generazionali.

Un disco che, ascoltandolo, fa sentire l'ispirazione alle sonorità elettroniche esplorate da Jon HopkinsModerat e Four Tet, passando dai suoni studiati nei dischi di Burial, fino ad arrivare a George FitzGerald, ma anche all'italiana Caterina Barbieri. In questo modo, il progetto di Elia Pellegrino, Matteo Guerra e Leo Leonardi, in collaborazione con il sound engineer Maurizio Borgna (Niagara, Fine Before You Came, The Zen Circus...), assume una sua forma, completa e complessa.

A tratti lento, a tratti più adrenalinico, le tracce scorrono come il flusso di un fiume in piena che poi, alla fine della tempesta, trovano la quiete.

---
La recensione Pugile - Recensione - SPARRING PROJECT - SOUNDTRACK FOR CONTEMPORARY STORIES di Francesca Russo è apparsa su Rockit.it il 19/08/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati