11/06/2019

Che poi non è che la Restaurazione debba, per forza di cose, essere vista come qualcosa di negativo, specie in ambito musicale. Questo è stato il primo pensiero quando abbiamo ascoltato "My Pockets", la prima, e molto bella, canzone di questo omonimo disco dei Mr. Beard. Già perché la band emiliana ha realizzato un lavoro molto compatto e ben costruito, attraverso un rock-blues coinvolgente e abbastanza tradizionale che, senza ombra di dubbio, anche dopo un ascolto prolungato conquista anche l'ascoltatore più "bacchettone". Intendiamoci: gli emiliani non inventano nulla di nuovo ma non è neppure questo il loro obiettivo. Infatti il gruppo si concentra su arrangiare le proprie canzoni con garbo e grazia, perseguendo un blues con venature rock, e ogni tanto un tantinello funky, che, siamo certi, dal vivo poi deve proprio esplodere. Meno brutali e essenziali dei, giusto per fare un riferimento, Bud Spencer Blues Explosion, i Mr. Beard sono il gruppo giusto per un lungo viaggio su di un treno che "taglia in due" una pianura a caso dell'Italia, dell'Europa o del mondo. Ovviamente la Restaurazione, in chiave musicale, non sempre funziona e, specie in fondo all'album, qualche momento di stanchezza di troppo lo si avverte. Tuttavia gli emiliani fanno egregiamente il loro lavoro, un lavoro sempre nel segno del rock-blues. 

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati