Marco Pizzi Il mare di Bologna 2019 - Cantautoriale, Indie, Acustico

Il mare di Bologna precedente precedente

Arpeggio di qualità, voce piacevole e testi non banali: questo è "Il mare di Bologna" di Marco Pizzi

Non aspettatevi stravolgimenti, barricate in piazza o urla sguaiate di protesta in fondo alla strada: "Il mare di Bologna" di Marco Pizzi è un album placido e piano, in cui la bella voce del cantautore lombardo è il viatico migliore per testi non banali ma, certamente, non rivoluzionari. Infatti l'arpeggio di Pizzi si presta bene a canzoni quali la stessa title-track in cui si presentano piccole storie di vita quotidiana, narrate con grande garbo ed eleganza, ma forse mancanti di quello scatto, di quel qualcosa in più che ci possa fare davvero alzare dalla poltrona e dirci colpiti o grandemente stupiti. Ma non è detto, anzi è altamente improbabile, che Marco Pizzi avesse come obiettivo quello di sorprendere l'ascoltatore. Approcciandosicon più attenzione al suo lavoro infatti è emerso sempre più forte in redazione questa idea: e se Pizzi, proprio come quegli amici che ti portano in giro per la prima volta a Bologna, non volesse fare altro che accompagnarci per mano attraverso un paesaggio, ancora una volta, placido e pianeggiante in cui, come diceva il poeta, "non si perde neanche un bambino?". Forse sì, forse ci abbiamo preso. Ed ecco allora che si abbandona il "sacro fuoco" della canzone rivoluzionaria a tutti i costi e cullati dalla suadente voce di Pizzi si riascolta, ancora una volta, "Romeo": niente di nuovo sotto il sole probabilmente ma un "bel sentire sotto il sole" no?

---
La recensione Il mare di Bologna di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2019-07-18 08:02:18

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • EleuteriovonNestor 2 anni Rispondi

    @maico grazie mille a te per questo commento. Mi è davvero piaciuto l'intento nobile e la voce cristallina e pulita che hai voluto imprimere al tuo disco :)

  • maico 2 anni Rispondi

    Grazie Mattia
    Non sarei stato altrettanto bravo ,nel raccontare l’intento di questo disco ,come hai saputo fare tu..comprendendo a fondo la strada che ho scelto di percorrere.