GhygoScattered2019 - Trip-Hop, Elettronica, Ambient

Scatteredprecedenteprecedente

Ghygo con "Scattered" realizza un disco profondo e misterioso come un''immersione nell'oceano

Che ci sia qualcosa di intimamente oceanico, anche per la sua vastità e capacità di andare nel profondo, in questo "Scattered" di Ghygo emerge con chiarezza sin dalla prima traccia, la bellissima "Chain". La catena evocata nel titolo ci è utile per andare a sondare il lavoro del producer di Benevento che, come dicevamo all'inizio, presenta una natura molto particolare, ovvero giocata sulla profondità dei suoni che non vengono mai presentati luminosi e squillanti "in primo piano", ma, proprio come le creature che abitano i fondali oceanici, vivono, si nutrono e prosperano nel buio più completo. Ecco perché quindi "Scattered" trova la sua ragione d'essere in una natura, per forza di cose, notturna dove pezzi come "JJ" sono in grado di declinarsi in tutta la loro, intima, potenza. Insomma appare sempre più evidente come il "gioco" di Ghygo sia un'operazione, quasi più alchemica che algebrica, in cui si sottrae per aggiungere qualcosa, forse significato, certamente fascino. Il lavoro di Luigi Panello è, ovviamente, qualcosa di molto sperimentale e di non facile "decriptazione" per chi ha poco tempo da "spendere" in un disco come questo, in cui si mescola ritmi trip-hop con una deep-house minimale e quasi glaciale. Ma se farete un investimento, prima di tutto su voi stessi e poi su Ghygo, scoprirete una buona fetta dei misteri, sonori, oceanici

---
La recensione Scattered di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2019-06-20 08:18:17

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autoreavvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussioneInvia