Francesco de Fusco Mood 2019 - Lo-Fi, Hip-Hop, R&B

Mood precedente precedente

Classe '97, Francesco De Fusco in arte E1S fa dell'r&b mischiato all'hip-hop una ragione di vita

Saremo molto sinceri e franchi: ascoltare "Microdosi", la seconda, ottima, traccia di questo "Mood" di Francesco De Fusco in arte E1S senza farsi venire in mente Ghemon è un esercizio praticamente impossibile. Ma, detto questo, l'artista partenopeo realizza  un disco in realtà con una sua precipua dignità e personalità, soprattutto per quanto riguarda gli arrangiamenti che, per la qualità media di lavori simili, si distinguono grandemente dalla massa. De Fusco infatti si muove in un "piccolo mondo" fatto di suoni r&b ed echi hip-hop in cui la sua voce, languida e melodiosa, si trova perfettamente a suo agio. Dal punto di vista dei testi invece, certamente come dicevamo prima, l'eredità/il peso di Ghemon si fa sentire fin troppo per certi aspetti eppure E1S ogni tanto ha degli scatti che ci mostrano, molto probabilmente, la sua vera natura. Qualche esempio? Beh, possiamo citare il pezzo più riuscito dell'intero disco, ovvero "Vivo davvero", che è una canzone suadente come le altre ma con una marcia in più: ovvero un ritornello simil-pop semplice ma non banale, in cui si costruisce un bello spaccato, sempre piccino picciò, di vita metropolitana. Il ragazzo insomma, essendo classe 1997, si fà, anche se, come diceva il poeta, "ha le spalle strette": anche perché qui conta la voce e la penna e quelle De Fusco le possiede entrambe

---
La recensione Mood di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2019-06-23 07:32:00

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • EleuteriovonNestor 3 anni fa Rispondi

    @eis1stars grazie per le tue parole e siamo certi che, prossimamente, da te potremo sentire delle belle. Anche "più belle" di queste :)

  • eis1stars 3 anni fa Rispondi

    Grazie mille per la recensione, Ghemon è un maestro, ed è un onore essere accostato a lui, nonostante le mie referenze musicali siano diverse.
    L'unica parte dell'articolo che non ho ben compreso è quel "si fa" dell'ultimo periodo.
    Grazie ancora per la recensione.