< PRECEDENTE <
album E Della Felicità Chi Se Ne Fotte - Red Sky

recensione Red Sky E Della Felicità Chi Se Ne Fotte

2019 - Sperimentale, Rap, Alternativo

RECENSIONE
24/10/2019

Red Sky è un bravo artista lombardo dall'identità sconosciuta: si presenta con una maschera da alieno sul volto, scrive testi in italiano e giapponese e ha un sound prevalentemente elettronico. Essendo chitarrista, producer e rapper, nel suo disco "E Della Felicità Chi Se Ne Fotte" si è occupato sia della voce sia della chitarra sia della produzione. Il lavoro è un concept album sulla felicità ed è composto da 14 tracce: un intro, 6 Skit, 6 brani e un outro. L'introduzione, i 6 skit e il pezzo finale sono costituiti per lo più da basi elettroniche su cui scorrono dissertazioni famose su felicità, psicanalisi, amore, grandi filosofi e... Fantozzi. "La felicità non esiste", ad esempio, offre una testimonianza del principe Antonio De Curtis in arte Totò e, ne "Il poeta soffre molto di più", è la voce della grande Alda Merini a parlare.

"E della felicità chi se ne fotte" è la terza traccia, dà il titolo a tutto il progetto ed è la prima vera canzone del disco: un rap/trap serrato con spunti interessanti. "Non serve a niente" è abbastanza melodica, "Lucifero" ha un flow serrato e spontaneo, "Oceano" è un brano ben riuscito in cui la voce dà il meglio e "Puttane nella nebbia" ha il testo più aggressivo e arrabbiato del disco: "Odio i conservatori del Conservatorio, odio i maiali di Montecitorio, odio sti mezzi artisti da oratorio, odio questa maschera d'avorio. Ho talmente tante cose da fare, che se muoio non vado nemmeno al mio funerale, mi invento una scusa dico che sto male..."; potrebbe esssere l'inno di una nuova generazione.

"Karaoke", l'ultima canzone prima dell'Outro, chiude l'album con un "dissing" agli imitatori e alla scena attuale. Le rime sono buone, le canzoni sono orecchiabili e la produzione non è male. Dato che c'è il potenziale e c'è anche "il personaggio", il consiglio a Red Sky per il futuro potrebbe essere questo: concetrarsi sulle parole, sulle canzoni e sul cuore della propria musica, magari collaborando con un produttore per continuare a crescere e a migliorare.

 

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani