AVG Synesthesia 2019 - Techno, Electro, Dance

Synesthesia precedente precedente

Elettronica retro-futuristica per AVG: quid d'ispirazione elevato, ma non chiamatelo artista.

Musica come forma concreta di un cosmo artistico fatto di fotografia, arte, design e pittura: non vuole essere chiamato artista, ma quello che fa AVG sembra avvicinarsi molto a questo concetto, e lo dimostra anche nell'EP “Synesthesia”.

In un personalissimo 2019 scandito da frequenti pubblicazioni musicali, queste cinque tracce senza grossi riferimenti o note esplicative e totalmente autoprodotte possono ricondurre agli ambienti electro della techno e della trance: ci sono tastiere e drum machines che arrivano dritte come un ceffone, sia quando i bpm si alzano (come nel caso di Killer) che in situazioni opposte, con i pattern musicali pronti a spianare una avenue di retro-futurismo (calzante l'esempio di Venus).

L'ascolto può apparire disconnesso, sicuramente non è facilitato dalla sensazione di disorientamento che può assalire, ma c'è bisogno di metabolizzare questa Synesthesia con le giuste tempistiche: ascolto dopo ascolto il quadro diventa più chiaro, e si riesce a percepire con efficacia il discorso sviluppato in un disco che convince.

---
La recensione Synesthesia di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2019-10-08 20:00:34

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • AVG 2 anni Rispondi

    Ancora una volta il giornalista, il recensore, l'ascoltare, riesce ad esprimere in alcune righe considerazioni che lusingano l'artista e arrivano dietro l'ultimo processo di ascolto, scavano e comprendono la natura e l'impegno del lungo lavoro derivato dalle ispirazioni.
    Un sentito grazie.