May Day [Piemonte] Come ieri 2005 - Punk, Hardcore

precedente precedente

Freschi e assolutamente accattivanti questi May Day che aprono il disco con una frizzante dose di melodia hardcore (“Qui sotto”, “Ancora in gioco”). E si continua con “Non vive” e altre convincenti tracce che, a differenza di molti gruppi hardcore, fortunatamente non si ripetono (“Come ieri”, sound struggente, così come intrigante è “Falsità”).

May Day è, infatti, grintoso hardcore in cui la melodia (bravo Peciu, bella voce!) regna indiscussa amalgamandosi con un sound molto incisivo e massiccio che alterna parti più veloci e scalpitanti (“Fuori programma”, “Ridere”, “Libero”) ad altre meno (strumentale è la chicca del disco, in cui si da spazio unicamente agli strumenti che si allontanano per un po’ quel genere che scandisce tutto il disco). Infine il cantato in inglese di “September’s grey”.

Bel sound e bravi ai tre energici musicisti.

---
La recensione Come ieri di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2005-10-13 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia