Pervinka raccolta 2019 2019 - Rock, Indie, Pop rock

raccolta 2019 precedente precedente

Una compilation di singoli per fare il punto sulla produzione della band modenese dal 2015 al 2019, in vista forse di un futuro lavoro ufficiale

I modenesi Pervinka fanno il punto sulla loro produzione dal 2015 al 2019 raccogliendo in questo dischetto, nominato molto semplicemente “Raccolta 2019”, i migliori pezzi usciti in questo arco di tempo. È possibile che la band stia lavorando su del materiale completamente nuovo in vista di un LP ufficiale e quindi propongono qui queste canzoni per salvarle dall’oblio, così come può darsi che questi singoli siano invece diversi punti di partenza che i nostri hanno deciso di porre al vaglio per comprendere la direzione da intraprendere in futuro.

Quello che contraddistingue questa band è sicuramente una scrittura poco lineare, amante dei tempi dispari ma anche della forma canzone e che perciò cerca di tenere insieme costruzioni articolate ed orecchiabilità, arrangiando i brani con suggerimenti pop che ammorbidiscono le pulsioni rock. Particolare attenzione è data soprattutto alle linee di chitarra e alla loro naturale simpatia per gli arpeggi mentre i testi restano sospesi tra la loro attitudine poetica e gli sgambetti che talvolta la metrica burlona fa alle parole, realizzando così liriche ispirate e interessanti che però non sempre riescono ad intrecciarsi con la musica. Il timbro vocale del cantante è particolare, nasale ma anche morbido, eppure non sempre le interpretazioni sono all’altezza degli intenti.

Musicalmente i primi due pezzi del combo (“Profonda” e “Se non tornassi”) sono i più ricchi di idee interessanti ma il brano con la messa a fuoco migliore resta la conclusiva “L’albero di A e B” con le chitarre che conducono, il ritmo che conquista e trascina fino in fondo e la voce che dà la miglior prova di sé.

Se l’intento della band era capire il punto di partenza per un nuovo lavoro sulla lunga distanza, il consiglio è sicuramente di partire da questo brano e lasciarsi andare, perché la stoffa c’è: basta smussare qualche imperfezione e sviluppare meglio le idee più insolite, che qui non mancano, e il gioco è fatto.

 

---
La recensione raccolta 2019 di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2019-12-06 12:16:48

COMMENTI (3)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO