Marcus Grimm 2 Planets 2019 - Strumentale, Elettronica, Classica

Disco in evidenza2 Planets precedente precedente

Un viaggio nello spazio accompagnato da un pianoforte che si mischia all'elettronica e sonorità sospese: questo disco è la riprova di come uno strumento, se usato bene, può diventare qualsiasi cosa (anche per un disco totalmente strumentale)

La forza di uno strumento da cui poter raccontare tutto. 2 planets è il disco di debutto di Marcus Grimm, una vita passata al Conservatorio Agostino Steffani, nel cuore del Veneto, la sua terra, e un universo da raccontare che parte da Gaia e finisce a Pandora

Marcus, con questo disco, fa qualcosa di totalmente diverso rispetto quello che si è soliti ascoltare ultimamente. La sua scuola musicale che lo ha formato è quella classica, ma in 2 planets il pianoforte indossa abiti sempre diversi, dagli arpeggi di In Viaggio fino alle sonorità dark di Imprevisto.

Hanami ci porta in una dimensione astratta, Wild è un aggettivo trasformato in musica, Come Farfalle ti spacca il cuore mentre ti tiene sospeso per tutti i 4 minuti di riproduzione. Questo disco potrebbe perfettamente essere la colonna sonora di un thriller fantascientifico, ti tiene le orecchie e i sensi aperti e vigili dalla prima all'ultima traccia.

Un risultato finale davvero inaspettato, che non solo determina la grande tecnica di Marcus ma la porta ad un livello successivo fatto di sfumature elettroniche, dove non serve aggiungere testi o parole, suona perfettamente già così, limpido. 

 

---
La recensione 2 Planets di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-01-09 12:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia