LeiBei My Earth My Heart 2020 - Rock, Elettronica, Alternativo

My Earth My Heart precedente precedente

"My Earth My Hearth", il ritorno energico delle LeiBei.

A dieci anni dal disco d'esordio le LeiBei sono tornate, con un membro in meno, ma con una marcia in più. Quello che era sembrato un eccesso di zelo nei confronti del grunge degli anni '90, sembra essersi affievolito. "My Earth My Heart" suona meno vecchio del suo predecessore, e porta un po' di freschezza all'ormai duo bolognese.

C'è senza dubbio molto più brio, e in generale le canzoni si fanno ascoltare più facilmente, grazie a una scrittura semplice e convincente. Ci pensano poi gli innesti elettronici a snellire il tutto, anche se, laddove le parti di tastiera si sposano bene con il sound, la drum machine fa leggermente storcere il naso. Le pelli sono proprio un'altra cosa.

Il disco parte forte, i primi tre pezzi sono carichi di energia; tempi dritti, chitarre secche, melodie che rimangono ("I Mess You" è una di quelle canzoni che martellano per un po' nella testa dopo che vengono ascoltate.). Poi l'atmosfera si incupisce, il tempo rallenta, ma a rimanere è lo smalto.

Con questa mezz'ora scarsa di buon rock le LeiBei ci fanno capire che la pausa è stata fruttuosa, che hanno studiato come sembrare più spontanee. Si sono lasciate ispirare in modo meno invadente. Hanno fuso la vena punk-dadaista dei Sick Tamburo con lo shoegaze, riuscendo a trovare un'amalgama abbastanza personale, o comunque interessante. Un buon nuovo punto di partenza.

 

---
La recensione My Earth My Heart di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-02-10 22:41:22

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia