Raphael Gualazzi Ho un piano 2020 - Cantautoriale, Jazz, Classica

Ho un piano precedente precedente

Il pianista urbinate cerca di incontrare il grande pubblico con i suoi brani scoppiettanti (non senza qualche incertezza).

Raphael Gualazzi ritorna con il suo ultimo disco Ho un piano, anticipato dal brano Carioca, in gara all'ultimo festival di Sanremo. Il duplice significato del titolo rimanda sia allo strumento musicale, protagonista di ogni traccia dell'album, sia al fatto che Gualazzi abbia un intento preciso: modernizzare il suo stile pop influenzato dal Sudamerica, dal jazz e dalla musica afro. Purtroppo, non riuscendoci del tutto. Intendiamoci, il pianista marchigiano è un ottimo musicista, sa cantare e il disco è godibile, il problema è che il ruolo di cantautore non è in pieno nelle sue corde. Gualazzi si erge sul suo innegabile talento pianistico, ma finisce con l'apparire per lo più retorico, superficiale, inutilmente piacione quando sconfina in territori estranei. Quando esce dal seminato sbanda, si incespica su dei sentieri che non gli appartengono e che lui tenta maldestramente di fare suoi. Ne è un esempio La libertà: il rimando gaberiano è sia nel titolo che nello stile, ma il confronto col signor G qui si ferma. La critica sociale che vuole portare non è sferzante quanto potrebbe, il tono scanzonato diverte, ma non conquista.

È davvero un peccato, perché col suo talento cristallino Gualazzi avrebbe tutto quello che gli serve per brillare. Fortunatamente, più di qualche occasione che ci permette di ricordarcelo c'è: su tutte, Immobile aurora è un irresistibile soul sinuoso che sarebbe stato bello vedere sul palco dell'Ariston. In confronto, Carioca è un brano troppo ammiccante, che si sforza di legare l'anima sudamericana del brano con delle sonorità più rivolte al grande pubblico, finendo con il piazzare un irritante cassa in quattro nel ritornello che ne uccide lo spirito. E, per rimanere in ambito sanremese, chiudiamo con una piccola perla: il duetto con Simona Molinari in E se domani è sublime, avrebbe meritato un piazzamento migliore nella serata delle cover del venerdì.

---
La recensione Ho un piano di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-02-20 12:30:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO