< PRECEDENTE <
album Songs behind a door ajar - Ctrl+Z

recensione Ctrl+Z Songs behind a door ajar

We Work Records 2020 - Lo-Fi, Pop, Indie

RECENSIONE
22/03/2020

Songs behind a door ajar è il disco d'esordio del progetto Ctrl+Z, duo formato da Stefano Zerbini e Stefano Bortoli.

Si tratta di un disco di sette canzoni scritte nell'arco di un decennio e dal forte stampo autobiografico. A livello sonoro, già la traccia d'apertura "Lou and Lee" mette in evidenza forti influenze del pop-rock britannico. Si avvertono infatti echi di Oasis e The Verve, ma anche qualche atmosfera a la Radiohead ("Why"). Uno dei brani migliori del lotto è sicuramente "Rebegin", una ballad malinconica e affascinante che sfiora i sette minuti. Altro bel colpo tra sonorità acide e spaziali è "Alexandra Oceanic Blue Eyes", brano che ricorda qualche vecchio lavoro dei Placebo. La chiusura è invece affidata ad "Amore a metà", brano in inglese ma con il titolo in italiano, scelta curiosa.

Songs behind a door ajar è un ottimo biglietto da visita per questo progetto che guarda parecchio alla musica internazionale di successo di fine anni novanta. Un disco ben suonato e ben interpretato, in cui emergono talento e indirizzo artistico in maniera abbastanza chiara e definita.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >