Testaintasca Fantasia 2020 - Indie

Fantasia precedente precedente

Chitarre elettroniche VS più sintetizzatori, it-pop melodrammatico, amori e altri problemi, rimedi anni 2000: Fantasia dei Testaintasca

Mentre ancora aspettiamo con ansia che I Cani risbuchino dalla loro tana con il nuovo disco, Niccolò Contessa continua a temporeggiare vestendo i panni di produttore. Dopo l'esplosione di Tutti Fenomeni a gennaio, questa volta è il turno dei Testaintasca e del loro "Fantasia", secondo album nella loro discografia. Il tocco contessiano è innegabile, un'impronta distintiva che va ad ammorbidire i suoni grezzi della formazione di stanza a Roma. Sono passati sei lunghi anni dal loro primo genito: "Maledizione!", con questo nuovo progetto il sound viene completamente rivisto.

Chitarre elettroniche VS più sintetizzatori,  it-pop melodrammatico, amori e altri problemi, rimedi anni 2000, equilibri precari. 

"Fantasia" è un disco senza pretese, musichine leggere, cinismo, quello tipico di quando vieni "fottuto dall'amore" per riprendere il titolo della seconda traccia.

I fratelli Fabio e Giorgio Conte tornano in grande stile, con i testi giusti e le produzioni accattivanti. 

I Testaintasca fanno parte della vecchia scena indie pop, e anche se i tempi sono cambiati, il loro disco appare comunque fresco, senza grandi orpelli. 

Ballate più classiche come "Poi" si alternano a ritmi più incalzanti "Come mi vuoi tu" e sound distorto come in "Calmo".

"Fantasia" è un buon disco, sicuramente da consigliare per un ascolto semplice, canzone preferita: "Fulvio".

---
La recensione Fantasia di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-09-22 16:36:24

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • lenaj 13 mesi Rispondi

    nice guys

  • aydan 13 mesi Rispondi

    bello