Tellaro Setback On The Right Track 2005 - Indie, Elettronica, Acustico

Primascelta!Setback On The Right Track precedente precedente

Che poi, ad ascoltarlo distrattamente, neanche diresti che si tratta del nuovo disco dei Tellaro. Proprio loro, quelli dell’EP omonimo uscito lo scorso anno per i tedeschi della 2nd Rec, un piccolo gioiello tra indie-rock e folk (come dire, esuberanza e malinconia). Quegli stessi Tellaro che dal vivo buttano nel cesso le chitarre acustiche per suonare più aggressivi e dinamici di qualsiasi gruppo noise. Con la pubblicazione del primo lavoro sulla lunga distanza, “Setback On The Right Track”, il quartetto siciliano sembra vestire i panni di un discolo impertinente che si diverte a far disperare tutti coloro che cercano di stare dietro a questi repentini cambi di registro. L’ultimo dei quali prende corpo sotto il nome di indietronica.

Ma se, nella forma, i Tellaro virano verso basi elettroniche e tastiere vellutate, nella sostanza la loro musica si conferma ancora una volta non per qualità o quantità, ma per quantità di qualità. Bastano d’altronde i cinque minuti scarsi di “1985” per ritrovarsi coinvolti emotivamente in un’atmosfera fatta di ritmiche irregolari, voci sussurrate e arrangiamenti orchestrali da ascoltare col cuore in mano e la desolazione nell’anima. Ma oltre alla tristezza c’è anche il tempo dei sorrisi, per lanciarsi in un ballo divertito e sgraziato con “Terracotta”, splendido esempio di come gli anni ’80 abbiano lasciato qualcosa di più – e di meglio – di una prescindibile “Like A Virgin”. La ballata pianistica in tono minore di “56.000 Rui”, invece, riabbassa i toni verso una musicalità più cupa e nostalgica, abbandonando quelle soluzioni elettroniche che caratterizzano buona parte del cd.

“Setback on the right track” è un disco maturo, dotato di un fascino che – vale la pena ricordarlo – emerge nel tempo. Ma è anche un lavoro che grida vendetta. Perché è davvero un peccato vederlo pubblicato da un’etichetta straniera, ennesima dimostrazione di quella fuga di cervelli che l’Italia – in questo caso la musica indipendente – da anni subisce passivamente. Tanto di cappello, comunque, ai Tellaro, che sono riusciti ad esportare i loro brani nella terra dell’indietronica, la Germania. A conti fatti, quasi come vendere ghiaccioli al Polo Nord.

---
La recensione Setback On The Right Track di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2005-11-23 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • utente0 15 anni Rispondi

    bello sot disco, tutti suoni easy.
    mi piace.
    fortissimi!