Richard Blackburn Il Cocchiere 2005 - Cantautoriale, Rock, Pop

precedente precedente

Non sono bravo a raccontare questi dischi. Posso solo provarci, ma sarà difficile. Immaginate l'Eros Ramazzotti sognatore della terra promessa che abbassa il volume delle tastiere e mette in primo piano una chitarra hard rock virata sul proggy-pop. Immaginate Ron in una fusione vulcaniana con Pupo. I Pooh assonnati che improvvisano ballatone hardpop su provini apocrifi di Biagio Antonacci. Un Vittorio Merlo più talentuoso che esplora tematiche esistenziali alla ricerca di un improbabile pop d'autore. Aggiungeteci un sospiro ed un "wooohhooo" alla fine delle strofe e poggiateci testi che mettono i brividi (scegliete voi di che tipo). Appiccicate una ritmica da piano bar. Spalmateci melodie pastose e corpulente. Se riuscite ad immaginare tutta questa roba, allora siete vicini alla musica di Richard Blackburn. Un cantautore(?) estremamente erudito e competente su tutto ciò che avviene su Radio Italia e Latte&Miele. Musicista preparato, compositore impeccabile, songwriter accanito e battagliero. Un gran mestierante della normalità. Un professionista esemplare della scrittura da manuale, che mette insieme un disco praticamente perfetto. Preciso. Esatto. Uguale a tutto ciò che già era uguale a qualcos'altro. Inattaccabile. Compiuto. Maturo. Ma chiunque dica "che bello" a questo disco, allora non ha mai ascoltato un disco bello, almeno non come lo intendiamo noantri de Rockit. Intanto, fa bene Richard a divertirsi e fare dischi, massimo rispetto e de gustibus. Ma faccio bene io a dirgli che il suo disco è assolutamente e drammaticamente brutto.

---
La recensione Il Cocchiere di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2006-05-24 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • ricblack 15 anni Rispondi

    Ciao Stefano, sono Richard.
    Grazie per la recensione, infondo me la sono cercata... Sicuramente il mio genere di musica non è del tipo più adatto per Rockit e tu hai fatto bene a non avere ‘peli sulla lingua’. In ogni caso accetto tutto serenamente, a parte la leggerezza con cui hai ascoltato i testi, come dici tu: ...’testi che mettono i brividi (scegliete voi di che tipo)...’.. Di seguito allego una traccia di lettura de ‘Il Cocchiere’.
    Il testo del brano è incentrato sul colloquio tra me e il nulla, rappresentato dal Cocchiere. Il nulla è alla base della nostra cultura occidentale. Dal pensiero greco ad oggi viviamo un tormentato rapporto con la morte, dettato dalla convinzione che la nostra esistenza è un apparire dal nulla e un ritornarvi. Con il Cocchiere instauro un dialogo a senso unico, rispecchiando l’impossibilità di far luce sugli aspetti inquietanti della nostra società dominata dalla Scienza e dalla Tecnica.
    Quanto sopra per puntualizzare che la musica melodica non deve essere necessariamente banale nei testi e la musica ‘colta’ non è necessariamente ricca di significati.
    Spero di non essere stato troppo polemico, ma infondo ho solo fatto valere il mio diritto di replica.
    Alla prossima...:)