< PRECEDENTE <
album Open Doors Otras Tierras

recensione Otras Tierras Open Doors

Different Lands / CD Baby 2020 - Etnico, Lounge, Classica

RECENSIONE
16/01/2021

Prima che si parlasse di global bass e di world electronica, accanto alla world music in senso stretto esisteva un altro punto di incrocio fra i suoni della tradizione globale e quelli della musica occidentale contemporanea, soprattutto jazz e pop, che andava sotto il nome di world fusion. Otras tierras è un progetto strumentale che si colloca a metà fra questa scuola e una visione più contemporanea ed elettronica, orientata più che alla bass culture ad una visione melodica e suggestiva, che alterna toni chill out ad enfasi cinematografica. Una commistione in qualche modo scritta nelle biografie dei due titolari del progetto, uno chitarrista flamenco di origini argentine e l’altro compositore di jazz ed elettronica. L’asse in cui si situa la loro ricerca è una diagonale, ma anche una sorta di spettro che parte da dall’oriente e arriva alla penisola iberica, per poi allungarsi fino all’America latina.Un altro spettro è quello di strumentazione e suoni, che va da performance di chitarra classica, flauto e pianoforte ad arrangiamenti sintetici, sample e suoni elettrici. Immaginato una sorta di piano cartesiano geografico e sonoro, in vari punti del diagramma troviamo differenti equilibri tra elementi acustici ed elettronici, tra diverse ispirazioni sonore e atmosfere: trip hop (Dancing in Blue Shadows), latin jazz (Rosas Negras), milonga acustica per chitarra (Milonga de Mis Recuerdos), arab lounge a base di campioni (Cloud Forest). La qualità delle produzioni è buona, le idee potranno sembrare già sentite ma raccontano un utilizzo consapevole dei riferimenti scelti e dei loro incroci. A frenare un po’ l’entusiasmo ci sono i momenti dove l’elemento fusion prevale nettamente sulle ispirazioni world, ridotte a delle vaghe suggestioni genericamente “esotiche”, dal sapore un po’ new age, in una cornice da jazz rock anni ‘80 non troppo entusiasmante (On a Crystal Night, Blue Sun). Forse è solo una questione di gusto, ma crediamo che nel 2020 scelte del genere possano appesantire un ascolto che, invece, spesso è accattivante e sempre ben realizzato.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    • 1

      Colapesce

      Cantautoriale, Alternativo (15063 click)

    • 2

      Dimartino

      Cantautoriale (14032 click)

    • 3

      Lo Stato Sociale

      Cantautoriale, Punk, Elettronica (11993 click)

      new!
    • 4

      The Zen Circus

      Punk, Folk, Country (10585 click)

    • 5

      Bugo

      Cantautoriale, Lo-Fi, Demenziale, Alternativo (10392 click)

      new!
    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani