< PRECEDENTE <
album Un Segno Di Vita Babalot

recensione Babalot Un Segno Di Vita

Aiuola Dischi 2005 - Cantautoriale, Sperimentale, Punk

RECENSIONE
01/12/2005 di Jack Nessuno

Scrivendo per Rockit è difficile non aver mai avuto tra le mani ed amato almeno un mp3 di Sebastiano Pupillo tratto dal precedente lavoro "Che succede quando uno muore". Conoscevo in anticipo la decisione presa da Aiuola Dischi di autoprodurre il più possibile. Scelta che, data la rara genuinità del cantautore, considerai il modo migliore per lasciarlo esprimere al meglio. Per questo motivo attendevo il nuovo lavoro con un po' di ansia, quella che precede sia le grandi conferme che le grandi delusioni.

Il CD apre con "Spillatrice" e subito sospiro di sollievo. "Menomale" mi son detto, Babalot è tornato con su il suo solito completo casual: chitarra, batteria e basso che accompagnano un testo, senza fronzoli, per la durata che gli spetta. Un vestito vero, schietto e sincero.

E' con la seconda traccia che rimango invece un po' così, non che manchi la consueta maestria cantautorale, sono piuttosto l'uso di strumenti "da laboratorio musicale" e le scelte arrangiative a lasciarmi un punto di domanda stampato in fronte.

Continuando l'ascolto il disco si riprende benissimo, sfoggiando svariati punti di forza: "Vuoto", "Antifurto", l'emozionante "Immaginario”, "Biscotti" così come frasi memorabili: "Se la mia vita l'ha inventata un altro, che cosa posso dire io? Che sono tutto il giorno stanco e forse neanche credo in Dio"
Ci sono anche episodi "ibridi" come "Diavolo" che, pur soffrendo di difettucci nell'arrangiamento, riesce magicamente ad esser una delle migliori tracce babalottiane di sempre. Ergo, com'è questo nuovo lavoro? Beh, direi che presenta alcuni nei, episodi fortunatamente isolati che riescono a passare quasi inosservati alla luce di ciò che è invece buono, testimonianze dell'umanità di un artista che, forse, ammirerei di meno se fosse sempre perfetto.

Come nota a pedice: il disco si divide in 2 parti. L'album vero e proprio si stende dalla prima traccia alla numero 15. Il resto sono ghost tracks, cover varie tra cui un duetto sulla storica "Uomini" dei Ritmo Tribale, per l'occasione rifatta all'autotune (Si, dai, che sapete cos’è: è il cherronizer... "Do you beliiieeevee", ecco, quello.), pezzi live, remix di Dj Pancetta ed inediti. Per mostrarci un’altra faccia di Babalot, un altro scorcio del suo personale segno di vita.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani