< PRECEDENTE <
album Cosa ci saremmo persi - La Syndrome

recensione La Syndrome Cosa ci saremmo persi

2020 - Indie, Pop punk, Rock d'autore

RECENSIONE
01/09/2020

Cosa ci saremmo persi di La Syndrome sono quattro tracce semplici e comode all'ascolto. 

"Come prima" - riproposta in chiusura d'ep nella "Lockdown version- è l'open track composta come leitmotiv di una raccolta fondi per l'ospedale di Bergamo, durante i difficili mesi di picco dell'epidemia da Covid-19.

Questa infatti è la cornice dentro la quale si è mossa La Syndrome - ovvero Edoardo Ragozzino al basso, Matteo Sagramati e Edoardo Econdi alle chitarre, Federico Villa alla batteria e Marianna Bottiglieri alla voce - per arrivare alla sua prima serie compositiva degna di menzione. 

"Levov" attinge alla classicità della musica italiana, calcando la mano sui piatti e dando vita a un tessuto armonico estremamente orecchiabile. "Ti hanno detto" prosegue il filone centrale dell'ep, in cui a farla da padrone è uno spirito di protesta in chiave rock. Buono il tiro della batteria e molto piacevole la sfaccettatura della trama melodica. 

Con Cosa ci saremmo persi, La Syndrome ha passato il varo. Ora, avanti tutta. 

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani