< PRECEDENTE <
album Casalingo - Profugy

recensione Profugy Casalingo

Hive Records 2020 - Pop, Folk

RECENSIONE
14/09/2020

Casalingo è il titolo del nuovissimo ep dei Profugy, band napoletana attiva dal 2010 e con diverse pubblicazioni alle spalle tra cui l'ultima, Stato confusionale, che risale all'autunno del 2018.

In questo nuovo lavoro sono presenti quattro brani nati negli ultimi mesi che provano a catturare le sensazioni e le emozioni del periodo di lockdown al quale ci ha obbligati la pandemia di Covid-19. Quello dei Profugy è un pop che prende parecchio dalla nostra nota schiera di cantautori storici, con melodie e parole che si rivolgono a tutti ("Zona Rossa"), ma anche con interessanti dissertazioni folk di matrice americana come quelle di "Pensieri a cazzo", brano che descrive bene quella che è l'esasperazione mediatica alla quale siamo sottoposti ogni giorno. Il folk della band campana parla anche d'amore nella chiusura affidata a "Decideremo su Venere", brano che richiama anche un po' i tratti tipici di autori come Brunori Sas, concentrandosi sul tema dell'importanza delle piccole cose nel nostro quotidiano (ma la speranza che ne saremmo usciti migliori, purtroppo, si è disintegrata già da un pezzo).

Casalingo è un prodotto onesto che, in mezzo a tanti prodotti ideati e progettati durante il lockdown, ha sicuramente una base concettuale valida e un tema de-banalizzato da portare avanti.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti (1)
  • danil 36 ore fa

    che palle... fotocopia di tanti altri.. ma metteteci un pò di vostro..

    > rispondi a @danil
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
> PROSSIMA >
Pannello

TOP IT

La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

vedi tutti

ULTIMI ALBUM

Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

vedi tutti
Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani